Julie Born Schwartz : ‘Ex-voto’
Festival di Spoleto, 30 giugno – 15 luglio

Chiesa dei Santi Giovanni e Paolo, Spoleto; Via S. Giovanni e Paolo, 5

Visita privata, sabato 30 giugno, 12.00 – 20.00: ingresso gratuito.

Introduzione del curatore, venerdì 6 luglio e venerdì 13 luglio, dalle 18:00 alle 20:00: ingresso gratuito.

Orari di apertura: mercoledì a lunedì 11:00-13:00 e 14:00-19:00  ingresso 2 euro

La film-maker danese Julie Born Schwartz presenta una video-installazione su tre schermi, “Ex-voto”, che esplora espressioni di fede e spiritualità nella cultura materiale e visiva. Il film è in parte ambientato nel Santuario di Santa Rita da Cascia in Umbria, dove i pellegrini chiedono l’intercessione del santo delle “cause perse”.

Santa Rita ha un enorme seguito di devoti in tutto il mondo e Born Schwartz è la prima film-maker a cui è stato concesso l’accesso alle aree di clausura del convento di Cascia. Durante un periodo di due anni, ospite dal programma di residenze Mahler & LeWitt Studios nella vicina Spoleto, ha conosciuto le suore del monastero, intervistato e registrato le loro vite su pellicola.

L’artista concettuale francese del XX secolo, Yves Klein, era un devoto di Santa Rita ed egli, come molti altri pellegrini, le ha dedicato diversi ex-voto. Un ex-voto è un’offerta religiosa fatta affinché venga esaudita una preghiera. Gli ex-voto di Klein sono intessuti nel film insieme agli incontri di Born Schwartz con i devoti contemporanei di Santa Rita. Il film incorpora anche altri luoghi dalle connotazioni spirituali nelle vicinanze di Spoleto, tra cui l’onirico complesso di Tomaso Buzzi a Montegabbione, “La Scarzuola”, e una chiesa sommersa usata dal regista russo Andrei Tarkovsky nella sua “Nostalghia”.

La presentazione di “Ex-voto” al Festival di Spoleto 2018, nonché una pubblicazione di accompagnamento, sono generosamente sponsorizzati dalla Goldstone Family Foundation. La ricerca iniziale di Born Schwartz, realizzata durante una residenza presso gli Studios Mahler & LeWitt nel 2016, è stata sponsorizzata dal Danish Arts Council. La galleria dell’artista a Londra, Union Pacific, ha fornito un supporto essenziale nella preparazione dell’installazione per il Festival di Spoleto.

Julie Born Schwartz vive e lavora a Copenhagen. Ha studiato alla Goldsmiths e alla Royal Academy Schools di Londra. Ha esposto e ha partecipato a proiezioni in tutta Europa; per una lista completa e informazioni sui suoi film, visita il suo sito web. Le mostre e le proiezioni recenti includono: Schirn Kunsthalle, Frankfurt; Royal Academy of Arts, London; The Theatre Museum at the Court Theatre, Copenhagen; Theatre Museum, Düsseldorf; Socle du Monde Biennale 2017, Herning; Museum of Religious Art, Lemvig; Union Pacific Gallery, London; Photographic Center, Copenhagen; The Sunday Painter, London. Julie è rappresentata da Union Pacific la quale presenterà ‘Ex-voto’ nella propria galleria londinese durante Frieze London nell’Ottobre 2018. L’installazione si recherà poi verso la Danimarca e verrà esposta presso la Galleri Image di Aarhus. 

www.juliebornschwartz.com