Artists on Camera
Michael Blackwood Productions

Festival dei Due Mondi, Spoleto, Italy, 
24 giugno – 10 luglio 2022

Con il supporto di Bloomberg Philanthropies

Nell’ambito del Festival dei Due Mondi 2022 di Spoleto, Mahler & LeWitt Studios è lieta di presentare Artists on Camera: Michael Blackwood Productions, con il supporto di Bloomberg Philanthropies. Michael Blackwood è uno dei documentaristi d’arte più prolifici e affermati, avendo prodotto oltre 150 film dagli anni ’60 ad oggi, e avendo raccontato le storie delle menti creative di maggior impatto dei propri tempi. Uno dei primi film di Michael Blackwood documenta il decimo anniversario del Festival di Spoleto nella sua edizione del 1967 (questo film sarà proiettato continuativamente durante tutto il Festival 2022 presso i Mahler & LeWitt Studios). Questa sarà la prima rassegna estesa del lavoro di Michael Blackwood mai realizzata; presenteremo 15 film in tre diverse sedi, tra cui la Sala Pegasus, un cinema all’interno di una chiesa del XII secolo, e l’Arena Collicola, uno schermo cinematografico all’aperto nel cortile di Palazzo Collicola Arti Visive, la galleria d’arte moderna di Spoleto.

La serie di proiezioni Artists on Camera: Michael Blackwood Productions metterà in evidenza il lavoro storico di un gruppo eterogeneo di artisti, i quali hanno lavorato in una vasta gamma di discipline, rendendone la testimonianza a una nuova generazione di artisti e all’ampio pubblico del Festival. La serie si aprirà con il primo film di Blackwood Broadway Express, 1959, un ritratto di New York attraverso il sistema della metropolitana della città, girato nello stile realista che caratterizza tutti i suoi film. Proietteremo inoltre Sol LeWitt: 4 Decades, 2001, e Isamu Noguchi, 1972, girato in parte a Spoleto con Buckminster Fuller ed Ezra Pound. Christo and Jeanne-Claude, 1995, il quale ha realizzato i suoi imballaggi su diversi edifici a Spoleto per il festival del 1968, sarà seguito da Butoh: Body on the Edge of Crisis, 1990. Due dei più importanti film di ricerca di Blackwood, The Sensual Nature of Sound: 4 Composers, Laurie Anderson, Tania Leon, Meredith Monk, Pauline Oliveros, 1993 e 4 Artists: Robert Ryman, Eva Hesse, Bruce Nauman, Susan Rothenberg, 1988, verranno seguiti dalle versioni recentemente rimasterizzate di Monk e Monk in Europe, entrambi del 1968, che costituiscono un ritratto in due parti del grande compositore e pianista jazz. L’elenco degli altri film in programma durante il festival include: Philip Guston: A Life Lived, 1981, Making Dances: Seven Post Modern Choreographers, 1980 (proiettato in concomitanza della visita a Spoleto della Trisha Brown Dance Company presso il Festival 2022), A Composer’s Notes: Philip Glass and the Making of an Opera, 1985, The New York School, 1972, e Spoleto USA: A Festival Discovers America, 1977, che documenta il primo Festival di Spoleto negli Stati Uniti, il quale continua ancora oggi nella città di Charleston.

www.michaelblackwoodproductions.com Michael Blackwood Productions è una casa di produzione indipendente che ha realizzato oltre 150 documentari sul mondo delle arti e sui suoi protagonisti. La collezione annovera oltre 1.000 partecipanti o soggetti, coprendo più di sei decenni di documentazione, a partire dagli anni ’60 e includendo anche materiale precedente, attraverso il secondo decennio del XXI secolo. I film della collezione sono documenti di primario interesse a fini didattici e archivistici, nonché importanti testimonianze cronachistiche e di interesse speciale per il pubblico. In numero sempre crescente istituzioni educative, biblioteche, musei e varie agenzie media stanno acquisendo questi film in tutto il mondo. La collezione stessa è una delle più grandi e significative nel suo genere.

www.festivaldispoleto.com Il Festival dei Due Mondi è stato fondato dal celebre compositore d’opera Gian Carlo Menotti nel 1958 e fu uno dei primi festival artistici multidisciplinari di questo tipo. Il Festival ha riscosso rapidamente un ampio riconoscimento internazionale per lo sviluppo e la promozione, spesso in ambienti pubblici, dell’arte d’avanguardia. Questo si svolge nei mesi di giugno e luglio di ogni anno e si avvale della pletora di luoghi adibiti a mostre e spettacoli vantati dal comune di Spoleto – tra cui il Teatro Romano, due teatri lirici e le numerose Piazze. La Direzione del Festival è affidata a Monique Veaute, già Direttrice di Palazzo Grassi e del Festival Roma Europa.

www.mahler-lewitt.org Mahler & LeWitt Studios: le nostre residenze e i nostri progetti sono fondati sugli ex studi della scultrice lapidea Anna Mahler (1904-1988) e dell’artista concettuale Sol LeWitt (1928-2007) a Spoleto, Umbria IT.  La Torre Bonomo, torre medievale un tempo adibita a residenza e spazio espositivo dalla gallerista Marilena Bonomo (1928-2014), si trova anch’essa al centro del nostro programma. I recenti progetti speciali includono Tai Shani: The Neon Hieroglyph e Lina Hermsdorf: Bona Dea (entrambi del 2021) e Allison Katz: Traforati (2019). Le nostre residenze forniscono un ambiente mirato per artisti, curatori e scrittori da tutto il mondo, al fine di stimolare lo sviluppo di nuove pratiche artistiche in dialogo con i propri pari e con il patrimonio culturale unico della regione.